Rischio inquinamento costiero

industrialeLa pianificazione per la riduzione del rischio da inquinamento costiero riguarda il pronto intervento per le emergenze da inquinamento della costa e viene redatto in conformità agli indirizzi regionali.

La pianificazione predispone le misure atte a fronteggiare, in emergenza e con la massima rapidità, lo spiaggiamento di sostanze inquinanti provenienti da qualsiasi fonte, e provvedere alle successive attività di disinquinamento delle aree interessate e alla corretta gestione dei rifiuti raccolti.

Le azioni svolte durante l’emergenza sono finalizzate alla difesa della vita umana, alla salvaguardia degli ecosistemi costieri e alla salvaguardia degli interessi economici.

L’Autorità Comunale di Protezione Civile comunica le varie fasi dell’emergenza tramite questo sito, comunicati stampa rivolti ai quotidiani, giornali on-line e radio locali, pagina Facebook “Comune di Senigallia”, messaggi attraverso l’account istituzionale twitter “senigalliaweb” e, per eventi di particolare intensità, messaggi diffusi da altoparlanti. Su questo sito, in home page troverai sempre la fase di rischio in cui ci si trova e le eventuali comunicazioni che il Comune diffonde.


Rischio da incidente rilevante

Nel territorio del Comune di Senigallia, lungo la Strada Provinciale n. 103, è localizzato un impianto di stoccaggio ed imbottigliamento di Gas Petrolio Liquefatto, GPL, della ditta “Goldengas S.p.A.” per il quale è stato redatto il Piano di emergenza esterna rev. 0 – 2008 secondo le Linee Guida emanate dal Dipartimento di Protezione Civile.

Tale Piano è stato redatto a cura dalla Prefettura-U.T.G. di Ancona, in collaborazione e d’intesa con la Regione Marche, la Provincia di Ancona, i Vigili del Fuoco, l’ARPAM, il Servizio Emergenza 118, l’ASUR Zona Territoriale n. 4, il Comune di Senigallia, e la Goldengas, ai sensi dell’articolo 20 del Decreto Legislativo 17 agosto 1999 n. 334 e del D.P.C.M. 25 febbraio 2005.

Torna all'inizio del contenuto