idrogeologicoIl piano di prevenzione dal rischio idrogeologico e idraulico individua le aree a rischio considerando la caratteristiche del territorio e tutte le situazioni potenzialmente critiche in corrispondenza di corsi d'acqua, argini, ponti, sottopassi e restringimenti degli stessi corsi d’acqua.

COME FUNZIONA L’ALLERTAMENTO?

L’Autorità Comunale di Protezione Civile comunica le varie fasi dell’emergenza tramite questo sito, comunicati stampa rivolti ai quotidiani, giornali on-line e radio locali, pagina Facebook “Comune di Senigallia”, messaggi attraverso l’account istituzionale twitter “senigalliaweb” e, per eventi di particolare intensità, messaggi diffusi da altoparlanti.

Il sistema di allertamento regionale, per i lrischio idrogeologico e idraulico, codifica una corrispondenza tra livelli di allerta e fasi operative, prevedendo un'allerta gialla, arancione o rossa in ragione del potenziale rischio.

Su questo sito, in home page troverai sempre la fase di rischio in cui ci si trova e le eventuali comunicazioni che il Comune diffonde per consigliare comportamenti corretti o prevedere azioni in ragione di ogni fase di emergenza.

COSA DEVI SAPERE?

Devi conoscere se la zona in cui vivi, lavori o soggiorni è a rischio alluvione: ti aiuta a prevenire e affrontare meglio le situazioni di emergenza.

Ricorda:

  • è importante conoscere quali sono le alluvioni tipiche del tuo territorio
  • durante un’alluvione, l’acqua può salire improvvisamente, anche di uno o due metri in pochi minuti
  • alcuni luoghi si allagano prima di altri. In casa, le aree più pericolose sono le cantine, i piani seminterrati e i piani terra; all’aperto, sono più a rischio i sottopassi, i tratti vicini agli argini e ai ponti, le strade con forte pendenza e in generale tutte le zone più basse rispetto al territorio circostante
  • la forza dell’acqua può danneggiare anche gli edifici e le infrastrutture (ponti, terrapieni, argini) e quelli più vulnerabili potrebbero cedere o crollare improvvisamente

COSA FARE

00 alluvione

La fase di attenzione può essere aperta in seguito all’emanazione di un avviso di criticità idrogeologica ed idraulica ordinaria o moderata o, anche in assenza di allerta, a seguito di segnalazioni specifiche.

Il sistema di protezione Civile monitora costantemente la situazione ed effettua controlli, verifiche dei mezzi e del personale disponibile per le eventuali esigenze e dispone interventi se necessari.

Tenersi informati mediante l'ascolto della radio, delle reti televisive locali, lettura del sito e dei social network istituzionali sulle criticità previste sul territorio e sulle misure adottate dal proprio Comune.

01 alluvioneLa fase di pre-allarme fa seguito all’emissione di un’allerta arancione o rossa o per criticità emerse nel territorio comunale.

Tenersi informati mediante l'ascolto della radio, delle reti televisive locali, lettura del sito e dei social network istituzionali sulle criticità previste sul territorio e sulle misure adottate dal proprio Comune.

Non dormire nei piani seminterrati ed evitare di soggiornarvi.

02 alluvioneProteggere i locali che si trovano al piano strada e chiudere le porte di cantine, seminterrati o garage solo se non ci si espone a pericoli.

Salvaguardare i beni collocati in locali allagabili, solo se in condizioni di massima sicurezza.

03 alluvioneEvitare il più possibile l’uso dell’auto.

Condividere ciò che si sa sull’allerta e sui comportamenti corretti e assicurarsi che tutti gli abitanti dello stabile siano al corrente della situazione.

Preparare una borsa con indumenti ed effetti personali da portare con sé, ricordando che non ci si assenterà molto da casa.

In casa

04 alluvioneSe si risiede ai piani bassi in zone inondabili, occorre rinunciare a mettere in salvo qualunque bene o materiale e trasferirsi immediatamente in ambiente sicuro.

Eventualmente chiedere ospitalità ai vicini dei piani superiori.

06 alluvioneEvitare l’ascensore: si può bloccare.

Se possibile, staccare l'interruttore centrale dell'energia elettrica e chiudere la valvola del gas.

Non bere acqua dal rubinetto: potrebbe essere contaminata.

05 alluvioneNon uscire assolutamente per mettere al sicuro l’automobile.

Evitare la confusione, fare il possibile per mantenere la calma, rassicurare coloro che sono più agitati, aiutare le persone inabili e gli anziani.

07 alluvioneLimitare l’uso del cellulare: tenere libere le linee facilita i soccorsi.

Tenersi informati su come evolve la situazione e seguire le indicazioni fornite dalle autorità.


Fuori casa

10 alluvioneEvitare l'uso dell'automobile se non in casi indispensabili. Se tuttavia vi trovate in auto, non tentate di raggiungere comunque la destinazione prevista, è opportuno invece trovare riparo presso lo stabile più vicino e sicuro.

Ricordarsi che è molto pericoloso transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d'acqua, peggio ancora nei sottopassaggi o sopra ponti o passerelle per vedere la piena.

09 alluvioneRaggiungere rapidamente l’area vicina più elevata.

Non cercare di attraversare una corrente dove l'acqua è superiore al livello delle ginocchia e fare attenzione a dove si cammina: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti ecc..

Evitare di intasare le strade andando a prendere i propri figli a scuola: i ragazzi sono al sicuro, perchè ogni scuola è dotata di un piano per la gestione dell'emergenza.

08 alluvioneUsare il telefono solo per casi di effettiva necessità per evitare sovraccarichi delle linee telefoniche.

Una volta raggiunta la zona sicura (area di attesa prestabilita), prestare la massima attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità di protezione civile, attraverso radio, TV o automezzi ben identificabili della Protezione Civile.

Prima di abbandonare la zona di sicurezza, accertarsi che sia dichiarato ufficialmente il CESSATO ALLARME.

Cosa fare dopo un'alluvione

Seguire le indicazioni delle autorità prima di intraprendere qualsiasi azione, come rientrare in casa, spalare fango, svuotare acqua dalle cantine ecc. Non transitare lungo strade allagate: potrebbero esserci voragini, buche, tombini aperti o cavi elettrici tranciati. L’acqua potrebbe essere inquinata da carburanti o altre sostanze. Fare attenzione anche alle zone dove l’acqua si è ritirata: il fondo stradale potrebbe essere indebolito e cedere. Verificare se è possibile riattivare il gas e l’impianto elettrico. Se necessario, chiedere il parere di un tecnico. Prima di utilizzare i sistemi di scarico, informarsi che le reti fognarie, le fosse biologiche e i pozzi non siano danneggiati. Prima di bere l’acqua dal rubinetto assicurarsi che ordinanze o avvisi comunali non lo vietino. Non mangiare cibi che siano venuti a contatto con l’acqua dell’alluvione: potrebbero essere contaminati.

ZONIZZAZIONE

Zonizzazione rischio idrogeologico - Inquadramento Generale

Orientarsi è facile!

Per conoscere il numero dell'area di attesa più vicina, devi solo muoverti sulla mappa (ingrandiscila con il mouse o con i pulsanti in basso a sinistra se ne hai bisogno), posizionarti sulla zona di tuo interesse e cliccare sulla mappa nelle aree colorate di giallo, azzurro o rosso. Il numero ti verrà mostrato nella didascalia che si apre a sinistra della mappa e la zona è colorata in verde sulla cartina.

E' qui che ti dovrai recare in caso di emergenza. Sulla mappa è anche evidenziato il percorso suggerito per raggiungere l'area di attesa che, secondo attente valutazioni, risulta essere il più sicuro.

Fai comunque attenzione e valuta bene in base alle reali condizioni ambientali.  

Conosci il Piano di Emergenza

Il piano individua le procedure di intervento da attuarsi in caso di emergenza, in particolare nelle aree classificate a elevato rischio idrogeologico (R4) a seguito delle perimetrazioni richieste alle Autorità di Bacino Nazionale, Interregionali ed alle Regioni e dal decreto-legge 180/98 (legge di conversione n° 267/98).

Queste aree interessano diverse zone del territorio del Comune di SENIGALLIA

Il piano pertanto:

  • Definisce le attivazioni degli interventi di protezione civile;
  • Individua le strutture operative (art. 11 L. 225/92), gli Uffici comunali, le Società eroganti pubblici servizi che devono essere attivate;
  • Fissa le procedure organizzative da attuarsi nel caso dell’evacuazione delle zone ad elevato o molto elevato rischio idrogeologico del territorio.

Nel piano sono indicati i comportamenti corretti da seguire da parte della cittadinanza per ogni fase e le aree sicure dove recarsi in caso di emergenza.

Informazioni

Ufficio: Governo del territorio e Protezione Civile

Sede: Sala operativa comunale - Palazzo Nuova Gioventù - v.le Leopardi, 6

Telefono: 071.6629386

E-mail: protezione.civile@comune.senigallia.an.it

Protezione civile Regione Marche:http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Protezione-Civile

 
 

Preparati per ogni emergenza:
i comunicati ufficiali via e-mail e SMS

Iscriviti
Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di ricevere E-mail ed SMS come indicato nella Privacy Policy e accetto i Termini e Condizioni di utilizzo del servizio e dichiaro di essere maggiorenne.

Il servizio ufficiale del Comune di Senigallia per le comunicazioni di emergenza ti consente di ricevere via e-mail e SMS i messaggi più importanti in caso di necessità. Attiva la ricezione via e-mail e scegli se ricevere gratuitamente anche su numero di telefono mobile.
IMPORTANTE: Il servizio di mail e sms è puramente informativo e non ha alcun valore di notifica

per saperne di più 

Torna all'inizio del contenuto